“PANE E ZUCCHERO” DI PASQUALE PETROSINO – L’INTERVISTA

“PANE E ZUCCHERO” DI PASQUALE PETROSINO – L’INTERVISTA

69
0
CONDIVIDI

In questo libro attraverso i ricordi di un bimbo, il mondo delle nonne emerge vivo in un contesto retrò, fatto di scenari dolci ed amorevoli.
Paesaggi che, attraverso le descrizioni, rivivono nella mente di chi adesso adulto, pensa a ciò che è stato. Una scrittura semplice, come semplice è il contesto descritto. Semplice, ma con una forza unica, quello delle emozioni e dell’affetto, che mai tramonteranno.

L’autore Pasquale Petrosino classe1983, militare della Guardia Di Finanza. Catanese di nascita, vive a Salerno con il compagno, il regista teatrale Antonello De Rosa. Ha frequentato l’Università di Scienze Politiche con indirizzo “Relazioni Internazionali di Salerno”, presentando una tesi sull’importanza del pensiero filosofico nelle relazioni sociali. Ha frequentato l’Università di scienze Religiose di Salerno. Attualmente iscritto alla facoltà di Scienze e tecnologie delle arti, dello Spettacolo e del Cinema. Giornalista, pubblicista, iscritto all’albo, si occupa di giornalismo sociale e culturale, scrivendo per diverse testate giornalistiche. Da sempre appassionato di cultura filosofica e psicologica. Direttore marketing di Scena Teatro, organizza eventi culturali legati soprattutto al mondo del Teatro.

Ecco cosa ci detto dell’opera:
D: Com’è nata l’idea di questo libro?
L’idea del libro era dentro di me da tempo – si concretizza con il primo periodo pandemico dove la precarietà dell’esistenza ha sconvolto le vite di tutti noi per cui ho rispolverato vecchi appunti e messo giù un ricordo quello della mia nonna. Per lei ho voluto scrivere, darle un riconoscimento per una vita straordinaria e per l’immenso amore che ho per lei.

D: Perché leggerlo?
Non so perché leggere questo libro – sono bravo nelle promozioni altrui- sicuramente per riscoprire l’importanza di figure che sempre più oggi rendiamo marginali – i nonni.

D: A chi dedichi questo lavoro?
Dedico a mia figlia questo libro perché abbia sempre nel suo cuore la tenerezza
Ad Antonello perché è lui che ha fatto nascere il vero Pasquale.

Commenta tramite facebook

Nessun commento

Comments are closed.