Napoli anno nuovo in musica

Napoli anno nuovo in musica

323
0
SHARE

image1 (8)Napoli 1 gennaio 2016

Inizia in musica classica d’autore l’anno nuovo a Napoli.

La città conferma la sua natura artistica e romantica, raccogliendo al teatro Mediterraneo presso Mostra D’Oltremare, 820 ospiti in attesa di dare il benvenuto al 2016 con la più bella musica di tutti i tempi, magistralmente eseguita dalla nuova orchestra Scarlatti, diretta dal giovane direttore di talento Filippo Arlìa.

L’Orchestra, guidata dalla bacchetta del giovane direttore Filippo Arlìa, ha coinvolto subito il pubblico con un Rossini sciolto e brillante. Poi, le voci esordienti del soprano Claudia Nicole Calabrese e del baritono Antonio Cappetta si sono cimentate, rispettivamente, nel Donizetti lirico di Norina e in un’esilarante scenetta comica da Le convenienze e inconvenienze teatrali sempre di Donizetti: grande divertimento in platea e prima parte del concerto conclusasi tra lunghi applausi sulle note di Rose del Sud di Strauss e del Brindisi dalla Traviata. La seconda parte è stata un crescendo di emozioni del tutto inedite: un assolo jazz rock di un’altra voce nuova, quella della brava e versatile Naomi Rivieccio, ha avviato un suggestivo percorso a ritroso nell’anima musicale partenopea, dal blues mediterraneo di Pino Daniele di Yes I know my way e Terra mia (proposte in originali versioni sinfoniche ad hoc) all’invenzione di Roberto De Simone, e da questa alla tradizione della canzone napoletana classica, culminata in una travolgente Cicerenella a tre voci. Ha chiuso in bellezza lo scoppiettante Tritsch Tratsch di Strauss tra applausi entusiasti e tanti bis.

Quindi un omaggio alla tradizione e alla nostra città, con il ricordo di Pino Daniele e un tributo al grande maestro Roberto De Simone. Presente anche il presidente de “Il quaderno edizioni” Stefania Spisto che alla fine delle spettacolo ha incontrato il direttore d’orchestra e il direttore artistico, con i quali c’è stato scambio di auguri per un anno che possa esprimere il meglio dei nostri talenti nel mondo.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY


*